Come si manifesta l’incontinenza fecale?

incontinencia fecal

I sintomi dell’incontinenza fecale sono la fuoriuscita involontaria dall’ano di feci e gas.

A volte può essere di lieve entità, a volte purtroppo il soggetto può perdere totalmente il controllo del retto.
Capita soprattutto alle donne over 40, dopo parti per via vaginale. L’incontinenza fecale è davvero un disturbo che muta in negativo la qualità di vita di uomini e donne ed è altamente invalidante.
Chi soffre di incontinenza fecale, sostanzialmente, non riesce più a dare impulsi allo sfintere, perdendone in tutto o in parte il controllo. Può avvenire anche in seguito ad operazioni attorno all’ano o alla semplice perdita di elasticità muscolare. Ne è soggetto soprattutto chi nella vita soffre pesantemente di stipsi o forti diarree frequenti, ma anche di emorroidi o che abbia avuto infezioni importanti all’apparato rettale.
E’ chiaro che il disagio psicologico che questo tipo di problematica comporta, è notevole e drammatico.
L’incontinenza fecale va spesso a braccetto con quella urinaria, che consiste nella perdita di elasticità del pavimento pelvico, soprattutto nelle donne a causa delle gravidanze e dei parti, che compromette una normale minzione, e causa fuoriuscite di urina incontrollate.

Cure per l’incontinenza fecale ed urinaria

Va detto che si può prevenire quotidianamente una situazione di incontinenza fecale, assumendo le giuste fibre per stimolare l’evacuazione senza sforzo, oppure tramite i fermenti lattici vivi, per riequilibrare tutto l’apparato intestinale.
Per le donne, dopo la gravidanza, esistono vari esercizi per riadattare il pavimento pelvico e per stimolare i muscoli dell’uretra a chiudersi per trattenere la pipì (guarda quelli che ti propongo nella mia gratuita “ i Morsi di di Piacere”). In genere vengono spiegati ed insegnati nei corsi pre-parto, oppure sarà cura del ginecologo di fiducia mettere al corrente la neo mamma degli esercizi utili da fare dopo il parto.
Se purtroppo l’incontinenza fecale o urinaria vengono in ogni caso diagnosticate, esistono delle cure per ridurre o addirittura cancellare il disturbo.
Innanzitutto esiste ad oggi una tecnica particolare di “rieducazione” del retto, che viene eseguita ambulatorialmente e che permette al paziente di riottenere un controllo sullo sfintere, inserendo una sonda con palloncino all’interno dell’ano e chiedendo al paziente di trattenerla e rilasciarla. La tecnica si chiama Biofeedback ed è innovativa; a questa modalità viene in genere affiancata anche una ginnastica passiva con elettrostimolazione dei muscoli del retto.
Laddove le tecniche riabilitative non dovessero sortire gli effetti sperati, esistono anche delle operazioni chirurgiche che possono alleviare i disturbi di incontinenza fecale o urinaria.

La dieta dopo l’operazione per incontinenza fecale

Dopo l’operazione, il paziente seguirà scrupolosamente una dieta riabilitativa, che tenderà ad eliminare la problematica e anche a prevenirne una insorgenza successiva.
La dieta, nel caso di incontinenza fecale, consisterà nell’eliminare gli alcolici e le bevande con caffeina (caffè, thè, coca cola…), i cibi troppo piccanti, i dolcificanti artificiali e limitare i latticini.
Via libera invece a fibre come crusca ed alimenti integrali e tanta, tanta acqua nel corso della giornata.

Guida gratuita: Come Fare l’Amore : 3 segreti dei “Morsi di Piacere” per far impazzire il tuo uomo

come fare l'amoreSe vuoi scoprire un modo semplice e immediatamente applicabile per raggiungere orgasmi strabilianti e per far eccitare il tuo uomo, scarica la tua guida gratuita: Come Fare l’Amore : 3 segreti dei “Morsi di Piacere” per far impazzire il tuo uomo.

scarica la guida

Tagged As: , ,

2 Responses to “Come si manifesta l’incontinenza fecale?”

  • alessandra m 81 on 18 aprile 2015

    Buongiorno e grazie per le informazioni che avete condiviso in questo articolo. Per esperienza personale volevo segnalare che oltre al biofeedback è possibile risolvere i problemi di incontinenza fecale con un metodo chirurgico che si chiama thd gatekeeper. Sono stata operata oltre un anno e mezzo fa e i risultati sono davvero positivi, infatti sono tornata ad essere quella che ero prima del parto (l’incontinenza fecale è stata causata proprio da quello). Ale

    • Juana on 6 giugno 2015

      Buongiorno Ale.
      mi fa piacere sapere che sei riuscita a risolvere il tuo problema a testimonianza che bisogna cercare perché le soluzioni a questo tipo di disagio esistono.
      Un abbraccio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • UN REGALO PER TE!

    New Graphic
  • CHIEDILO A JUANA


    Vuoi maggiori informazioni sui prodotti o vuoi contattarmi per una consulenza privata?


  • SEGUICI SU FACEBOOK